Cantine Edomè: l’amicizia crea cose buone

55

Il vino siciliano delle Cantine Edomè nasce dall’amicizia di Gianclaudio e Ninì. Il nome dell’azienda viene fuori dallo splendido dialetto siciliano quando, un caro amico a cui i fondatori Gianclaudio e Ninì devono tanto, da pioniere ed antesignano produttore dell’Etna, presentò il vino fatto da per i due amici con questa frase: ’stu vinu è do tò, questo vino è tuo; ne venne fuori la ovvia risposta è do me,  è mio, da qui “Cantine Edomé” le Cantine del mio vino.

Cantine Edomè nasce all’interno di un cratere spento, in una contrada chiamata “Feudo di Mezzo” nel versante nord del Vulcano Etna, territorio unico che dà tipicità ad ogni prodotto della sua terra, compreso il vino siciliano. Le viti autoctone di Nerello Mascalese e Nerello Cappuccio vengono allevate ad alberello, sostenute con il tradizionale palo in castagno, proprio per abbracciare l’antica coltivazione manuale, il rispetto del territorio dell’Etna, i muretti a secco e le rasole in pietra lavica.

Il vino siciliano Edomè è un vino ricco di essenze e di aromi, dalle note minerali e dall’odore etereo, con sentori di frutta, matura, spezie, sfumature di tabacco e vaniglia. Il nome dei vini Edomè, Aitna, deriva dal nome di una polis greca-siceliota alle pendici del vulcano Etna, fondata nel 476 a.c. da Gerone di Siracusa, quando conquistò la città di Katane (Catania), cacciandone i suoi abitanti. Al periodo di Aitna-Katane appartiene il tetradramma di Aitna del Sileno che nell’esergo riporta la figura di Zeus aitnaios, divinità venerata dagli etnei. Dare al vino Edomè il nome Aitna vuol dire onorare la Montagna che lo genera scegliendo il tetradramma di Aitna come immagine simbolo della nostra azienda.

Acquista i vini Cantine Edomè online

Potrebbe piacerti anche Altri di autore

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.